Come pianificare il tuo episodio del podcast con Asana

Vuoi pubblicare un episodio del podcast ma non sai come si fa? In questo video condivido con te il mio flusso di lavoro (creato con il project manager Asana).

Ti faccio vedere tutti i passaggi da fare per organizzare al meglio i tuoi contenuti e il tuo lavoro. 

Scarica la guida in PDF che accompagna questo video!


Tu e la tecnologia non andate d’accordo e non riesci a lavorare bene?

Sogni più successo online e più tempo per te?

Con gli strumenti giusti, tutto è possibile è più facile di quanto pensi.

Ho creato per te una guida pratica con i tool che aiutano le mie clienti – coach e consulenti con mille idee da realizzare – a trasformare il sogno in realtà semplificando:

-Agenda e pianificazione

-Creazione dei contenuti

-Vendita di corsi e servizi

-Funnel e newsletter

Puoi averla subito, gratis, insieme ai miei consigli per fare pace con la tecnologia e lavorare con meno stress.


Trascrizione automatica del video

Se anche tu vuoi pubblicare un podcast, ma non sai veramente dove sbattere la testa, non sai quali sono i passaggi da fare. Questo è il video giusto per te. In questo video ti faccio vedere il flusso di lavoro, la procedura che io ho sviluppato quando ho pubblicato l’anno scorso il mio podcast e l’ho creata su Asana in modo che fosse molto più facile impostare delle scadenze e anche delegare alla mia assistente virtuale delle task delle attività nella lista. Quindi bando alle ciance e ti faccio vedere il flusso di lavoro. La procedura per pubblicare un episodio del podcast.


Ciao, io sono Alessia, Tech Expert per te che lavori online ma il mondo digitale ti fa assolutamente impazzire. Allora eccoci qua, siamo dentro il mio account di Asana e questa è la procedura di pubblicazione di un episodio del podcast, episodio che andavo in passato a pubblicare sia nella piattaforma di hosting che utilizzavo, che è Lybsin, sia nel mio blog come se fosse un articolo, quindi andiamo a vedere intanto cosa principale.


Quando tu crei una task del genere, un template, questo dobbiamo sempre considerarlo come un template da seguire. Puoi sempre fare un duplicato, quindi, andando a cliccare qua e cliccando su duplicate task. Così puoi assolutamente seguire passo passo la lista delle cose da fare per ogni episodio del podcast specifico. , allora intanto qua vado a pianificare l’episodio del podcast, vado a cercare fonti e ispirazioni e posso andare anche a salvare questi link nella descrizione oppure dentro la task specifica. Posso impostare una scadenza e lo posso assegnare a me oppure a qualche altro membro del mio team. Poi vado a creare, vado a creare delle note con dei punti elenco, quindi i punti essenziali di cui io voglio parlare in questo episodio del podcast. Poi vado a preparare l’equipaggiamento, quindi vado a preparare il microfono. Se registro anche un video vado a impostare la giusta luce. Vado a sistemare la roba che sta qui dietro le coperte. Quando si registra un podcast, a meno che tu non registri da uno studio, dovresti fare in modo che il tuo microfono e che tutte le superfici siano morbide.


Quindi andavo a coprire tutte le superfici, la scrivania, le sedie, anche le finestre. Ma non l’ho mai fatto con delle coperte, comunque di panni morbidi, in modo che il suono sia poi migliore e ovviamente ricordarsi di chiudere la porta. Mi è successo tantissime volte che il mio cane mi facesse un photo bombing e un audio bombing mentre stavo registrando il podcast mi ero dimenticata di chiudere la porta. Ovviamente prima di andare a registrare dobbiamo fare un test e controllare il livello di entrata dell’audio, fare un test di registrazione per vedere come la qualità dell’audio si sente bene e c’è un rumore di fondo, va modificato il volume di entrata o di uscita del microfono, facciamo un test, mi raccomando sempre testare. non vogliamo registrare un intero episodio oppure tre quattro episodi del podcast e poi renderci conto, ma anche un video e poi rendersi conto che invece non si sente niente perché il volume in entrata era troppo basso. Mi è successo. Poi passiamo alla registrazione. Una volta che ho registrato gli episodi del podcast ho fatto la mia fase, la mia settimana di batching ho registrato tre, quattro, cinque, dieci episodi.


Vado a caricare ogni episodio episodio dentro ad Audacity che era il software di editing audio che utilizzavo. Andavo ad inserire il file audio mp3 di di, la musica di Intro e la musica finale in dissolvenza. Andavo a fare l’editing dei contenuti, quindi andavo a riascoltare il podcast tagliando delle parti che magari ero un po impappinata, avevo detto una castroneria, eccetera eccetera. Il passaggio successivo è andare a esportare il podcast, creare la grafica, scrivere le note ecco, scrivere le note. È sempre un momento molto importante perché nelle note la nota è quella che viene pubblicata ad esempio su Spotify oppure su Spreaker, dove c’è una descrizione del contenuto dell’episodio del podcast. Ci sono magari dei link utili, quindi è una parte molto, molto importante che io personalmente utilizzavo anche per introduzione, da mettere poi nell’articolo che io andavo a creare dentro il blog vado a caricare la grafica e il file mp3 su AWS che è il mio software, il mio cloud dove io archivio i contenuti audio e video. Poi lo step successivo caricare l’episodio e la grafica su Lybsin che è la piattaforma.


Come abbiamo detto di hosting che io utilizzo per dove ho creato il mio podcast e dove ho archiviato e pubblicato tutti i miei episodi del podcast che poi vengono automaticamente pubblicati su podcast. Spotify, poi. Spreaker? Forse no. Comunque su varie piattaforme. Vado poi a anche a programmare. Vado ad aggiungere le note che ho creato e la categoria, oppure le categorie e i tag relativi a questo episodio. Ce l’avevo programmare, programmare l’episodio quando viene, quando io voglio che sia pubblicato e ad esempio una cosa che mi è stata insegnata è sempre pubblica programmare la pubblicazione del podcast, ad esempio a 00:00 e l’una alle due di notte, in modo che ci sia tempo affinché che l’episodio venga propagato e pubblicato su tutte le varie piattaforme, in modo che gli utenti la mattina possano avere l’episodio del podcast disponibile da ascoltare. E l’ultimo passaggio è la promozione. La promozione può essere metterlo in una newsletter, pubblicarlo sui social può essere creare un pin e metterlo su Pinterest. , può essere millemila cose diverse dell’attività diverse. E il motivo per cui l’ho creato su Asana e adesso sto spostando veramente tutte le mie procedure da Trello as Asana.


E qua c’è uno switch nelle mie delle mie procedure. E la cosa che mi piace molto di Asana è proprio il fatto che accanto ad ogni task io posso inserire una scadenza e posso inserire anche posso taggare la persona a cui io voglio delegare questa attività che riceve da una notifica immediata. Posso andare ad aggiungere dettagli dentro questa task specifica, oppure posso pubblicare un commento o un update o un aggiornamento. Posso allegare dei documenti e posso allegare ad esempio le grafiche. Posso allegare i file direttamente in questa task, quindi sviluppare la tua procedura. Il tuo flusso di lavoro per la pubblicazione di un articolo, di un video o della programmazione della newsletter ti semplifica davvero tanto la vita se lo fai con, soprattutto se lo fai con un task manager. Perché delegare, ti delegare e assegnare delle scadenze? È veramente veramente facile e immediato. Bene cara. Spero che questo video sia stato utile nella descrizione qua sotto trovi il link per scaricare in formato PDF la mia procedura, il mio workflow di lavoro per la pubblicazione di un episodio del podcast senti libera di scaricarlo e di sfruttarlo come ispirazione per ispirazione, per creare i tuoi personali flussi di lavoro, di pubblicazione dei contenuti.


Non dimenticarti di iscriversi al canale qui sotto. Così non ti perdi tutti gli ultimissimi episodi delle prossime settimane. Ciao a presto.